Lugano, maggio 2021

Disarmano un uomo armato di coltello e lo consegnano alla Polizia

Non si direbbe, eppure anche la placida Lugano ha i suoi problemi di ordine pubblico. E i City Angels locali ne sanno qualcosa.
Una sera di aprile tre Angeli – Luana Riva “Chayenne“, Fabienne Polli “Lux“ e Paolo Corti “Falco“ – erano in servizio quando un cittadino è arrivato correndo: “Andate subito in stazione, c’è un tipo armato di coltello!“
I tre Angeli chiamano subito la Polizia e accorrono. Si trovano davanti un uomo che, coltellino in mano, sta minacciando una persona. Come da manuale Chayenne, in quel momento Caposquadra, ha disarmato il balordo approfittando di un suo momento di distrazione. Tutti e tre i volontari sono riusciti a mantenere la calma e hanno svolto il loro servizio in modo impeccabile. E non appena sono arrivati gli agenti hanno consegnato loro il balordo e il suo coltellino.
“In quei momenti non puoi avere paura – afferma Chayenne, “la squadra è stata essenziale e fondamentale. Ciascuno di noi ha ricoperto al meglio il suo ruolo, facendo un ottimo lavoro di squadra. E nonostante la presenza del coltellino, i volontari e le persone presenti sono rimasti in piena sicurezza».
«Ci siamo coordinati alla perfezione ed ognuno di noi aveva il proprio ruolo – conferma Falco. “Tutto si è svolto velocemente e la squadra ha lavorato in modo impeccabile” aggiunge Lux.
Giuseppe Modica “Gabriel”, Coordinatore della sezione di Lugano, parla dei tre Angeli come di persone di grande cuore, sempre disponibili e motivate. Spiega: “Avvicinarsi ad uno armato di coltello può essere molto pericoloso, la sicurezza della squadra viene prima di ogni cosa. Nel caso specifico nonostante l’arma i volontari erano in sicurezza, ed è per questo che l’intervento ha potuto avere luogo”. E aggiunge: “Chayenne, Lux e Falco meritano di essere Angeli del mese non soltanto perché è stata disarmata una persona che brandiva un coltello, ma anche – e soprattutto – per il loro spirito di squadra e l’intervento impeccabile, svolto in una situazione di grande tensione e pericolo. Altri non avrebbero mosso un dito; invece noi, quando c’è da aiutare, interveniamo!”