Monza, luglio 2021

Kermit, la lezione dell’umiltà

Kermit

 

L’umiltà è una delle doti più importanti di un buon City Angel. E Stefano Borroni “Kermit”, 37 anni, la incarna in pieno.
Era entrato nei City Angels nel 2014 ed era uscito dall’Associazione dopo quattro anni per motivi personali. In questi quattro anni era sempre rimasto Angelo semplice. “Credevo nei City Angels, mi impegnavo, ma mi sono reso conto che dovevo ancora maturare” dice.
Nel febbraio 2019 rientra. Ovviamente ripartendo da zero. Con una carica ed una determinazione straordinarie. E con una nuova maturità e consapevolezza. Al punto che nel dicembre 2020 viene promosso a ViceCaposquadra.
Ricopre il suo ruolo con grande serietà, e da qualche mese gestisce la pagina Instagram della sezione di Monza” dice Silvia Mantegazza “Sky”, Coordinatrice monzese. Che aggiunge: “Kermit è sempre disponibile e  la sua umiltà è il suo punto di forza: è un uomo forte, per questo capace di mettersi in discussione”.

Kermit dice che “per me essere un City Angel significa assistere il prossimo e capirne i problemi. I miei compagni Angeli sono tra le persone più belle che ho incontrato nella vita, e tra gli amici che più porto nel cuore c’è Aziz, un senzatetto marocchino. Ormai siamo fratelli, ci vogliamo un gran bene e penso spesso a lui, così come lui pensa spesso a me!